Film horror di Halloween: la collezione horror degli anni '70 su Criterion Channel

Halloween Horror Movies

Ho un vecchio amico, uno dei miei più grandi, con il quale sono cresciuto guardando film. Nello specifico, i film dell'orrore. Era la nostra cosa. Dal 1935 La sposa di Frankenstein (sulla televisione degli anni '60), a film nuovi, innovativi e controversi come La notte dei morti viventi nel nostro single-plex locale intorno al 1970 (quando entrambi avevamo solo undici anni, e poco intellettualmente o spiritualmente preparati a vedere quei morti viventi che mangiavano frattaglie), abbiamo consumato il più possibile. Abbiamo anche acquistato regolarmente la rivista Famosi mostri di Filmland . Di conseguenza, eravamo facilmente i ragazzi più popolari nella nostra scuola elementare di Dumont, nel New Jersey.



Ed eravamo entrambi molto scoraggiati, da adulti, per l'apparente revival dell'orrore che abbiamo visto (o forse dovremmo dire assistito) nei primi anni, in particolare, sì, nel Sega franchising. Il mio amico ha lavorato in un negozio di video - fino alla fine dei negozi di video essendo una cosa - e come fan dell'horror residente nel suo punto vendita Tower Records è stato assalito da clienti più giovani entusiasti. Sega e altre immagini, e alzava gli occhi al cielo.



io è piaciuto film dell'orrore, avrebbe detto. Ma non mi piacciono questi. Mentre il nostro angolo di paradiso cinematografico aveva spazio sia per i classici della vecchia scuola che per gli eredi di Romero (il che non era certamente il caso delle persone più grandi di noi, che si lamenterebbero della terribile violenza delle immagini più recenti), cose come Sega era dove abbiamo tracciato la linea. Proprio come gli esperti del genere rock condannerebbero il falso metal, abbiamo pensato che questa nuova roba fosse Faux Grindhouse.

Il grindhouse. Cioè, o meglio era, un cinema qualcosa di meno che di prima visione che ospitava piatti sgargianti come La notte dei morti viventi e l'ondata di film che seguirono. Non solo un luogo ambientale ma uno stato d'animo. Un'estetica, se vuoi. Uno caro, come sappiamo. da artisti del calibro di Rodriguez, Tarantino, Roth e altri, ma solo di rado ripreso.



Se hai accesso al canale Criterion ora puoi, tramite il suo Collezione Horror anni '70 , prendi una bella, sostanziosa, spesso inquietante dose di genuina orrore di grindhouse.

Che, nonostante la saggezza convenzionale che lo chiama anche cinema di sfruttamento, non è sempre stato realizzato da creatori di film adoratori di Moloch che assecondavano il minimo comune denominatore. Registi come David Cronenberg, Bill Gunn, Wes Craven, Larry Cohen e altri, tutti rappresentati nel festival horror degli anni '70 ben curato di Criterion Channel, hanno preso la loro prerogativa a basso budget per indagare su temi trasgressivi e mettere in evidenza, se a volte camuffati, affermazione non solo sulla società contemporanea, ma anche sulla condizione umana.

Questi registi non erano nemmeno gli autori più grindhouse degli anni '70. C'è un'intera gilda di registi italiani, in particolare Lucio Fulci, che ha portato il cinema sadico a nuovi estremi ultra-macabri. Perché gli anni '70 sono stati degni di nota anche per molti film dell'orrore in cui la parola Cannibal era in primo piano nel titolo. (Dario Argento, un altro maestro dell'horror italiano, che ha reso il primo intoccabile affanno e altri fantastici pazzi, si trova un po 'a destra della maggior parte di quei personaggi.) Questi elementi non fanno parte del pacchetto Criterion. Il che non vuol dire che le immagini qui mancano di luride o sporche. Intelligente come, diciamo, i film di Cronenberg Rabbioso e Brividi sono, sono frenetici e pieni di emozioni viscerali. Sono immagini molto basse e sporche.



È nella disonore e nell'oscurità che i film dell'orrore degli anni '70 hanno trovato il loro punto di forza, senza dubbio. 1974 di Tobe Hooper Il massacro della sega a catena del Texas è stato realizzato a buon mercato, girato su pellicola da 16 mm, a differenza del calibro più grande 35 che è stato utilizzato per i prodotti di Hollywood, ma è stato anche realizzato in modo impeccabile. È pieno di incredibili composizioni di inquadrature e movimenti della telecamera, ed è così sicuro di sé da suscitare paure isteriche senza arrivare da nessuna parte così cruenta come suggerirebbe il titolo del film. (Il che non vuol dire che non c'è molto sangue, alla fine.)

Foto: Everett Collection

Ma un altro componente che ha dato Massacro gran parte del suo potere era la sua oscurità che veniva fuori dal nulla. Il cast era composto da attori sconosciuti. Rimanendo coinvolto nella loro storia (nonostante il fatto che questi ragazzi post-hippie in cerca di un laghetto fossero di tutti i tipi poco simpatici), sei stato coinvolto nel loro destino. E non avevi precedenti attaccamenti o associazioni con loro per farti capire cosa sarebbe successo. Nel remake del film del 2003, l'attrice protagonista era Jessica Biel. Questo ha reso il TCM Slogan originale, chi sopravviverà e cosa ne rimarrà? tipo di accademico.

Guardando i vari remake dei film in questa raccolta di Criterion - più di una mezza dozzina delle 23 immagini hanno avuto un riavvio o un sequel di qualche tipo - è chiaro che anche i migliori sono afflitti da un'autocoscienza che funge da una sorta di ritaglio creativo delle ali.

Del 2019 Rabbioso , scritto e diretto da Jen Soska e Sylvia Soska, una talentuosa squadra di registi canadesi, spesso si propone come un palese omaggio non solo al film di Cronenberg del 1977, ma all'uomo e al suo intero corpus di opere di genere. In una sala operatoria, ad esempio, i dottori indossano vesti rosso vivo, proprio come facevano i gemelli ginecologi dei fratelli Mantle nel 1988 di Cronenberg. Suonerie morte .

Nell'originale Rabbioso , che ha scelto la porno star Marilyn Chambers nel ruolo principale (e presenta la sua nudità, anche se a un registro molto diverso da quello che era il caso in Dietro la porta verde ), la protagonista Rose è una specie di cifra, anche se attraente. Acquisisce una variazione della condizione del titolo dopo un intervento chirurgico ricostruttivo a seguito di un incidente motociclistico sfigurante.

La visione del personaggio di Cronenberg è di un distacco quasi clinico. Le sorelle Soska assumono una prospettiva di affinità ed empatia femminile. Qui, Rose è una timida stilista di moda disdegnata e maltrattata dai colleghi, incluso il capo Gunther, la cui linea di abbigliamento si chiama Schadenfreude. (È interpretato da Mackenzie Gray, che sembra canalizzare Tommy Wiseau, non la migliore idea in questo contesto. Ma pronuncia anche una frase in cui i registi sembrano dire un po 'a se stessi: Perché continuiamo a ricreare nuove tendenze? )

Ma una volta che Rose (qui incarnata da Laura Vandervoort) viene trasformata, i Soska evitano una vendetta dello scenario da tappezzeria a favore di un'indagine leggermente elaborata sulle idee cronenbergiane che hanno trovato piede nel mondo reale, inclusa la nozione di transumanesimo.

È interessante e coinvolgente fino a un certo punto, anche se un po 'troppo spesso sul naso in alcuni particolari. (Nominare il chirurgo transumanista William S. Burroughs è quasi imperdonabile, anche se le persone hanno rispettato lo scrittore visionario usando il manico del suo personaggio caratteristico, il dottor Benway, più volte di quanto si possa contare.) ripresa della famigerata gag di Babbo Natale del centro commerciale dell'originale, non c'è niente nel film che offra qualcosa di simile a una sbalorditiva.

E qui sta il problema. L'astuzia e l'incoscienza della prima visione di Cronenberg (e questo vale anche per la visione di Cronenberg del 1975 Brividi , la cui premessa oltraggiosa è La notte dei morti viventi , solo what-if-horny-instead-of-cannibal) può ancora farti tremare in modi che questa immagine non fa.

Il 2019 Natale nero , il terzo film con quel titolo, dopo il film slasher canadese del 1974 (che è nel Criterion fest, e NON è nemmeno un Babbo Natale l'elemento killer - potresti pensare, piuttosto, al 1984 Notte silenziosa, notte mortale , o di quell'episodio di Joan Collins nel 1972 Racconti dalla cripta ) è anche una vetrina per i talenti cinematografici femminili. È diretto da Sophia Takal da una sceneggiatura che ha scritto insieme all'astuto critico April Wolfe. Il serial killer che insegue un modello di campus universitario si adatta a una sensibilità femminista. Le protagoniste, guidate da Imogen Poots, sono sorelle di una confraternita che combattono violenze sessuali e la cultura delle confraternite super-patriarcali. I loro dialoghi domestici sono caratterizzati da battute come se non riuscissi a trovare la mia tazza da diva.

Ma mentre Takal è superbo Film del 2016 Brilla sempre era un'esplorazione galvanica dell'amicizia femminile diventata tossica, Natale nero si attacca agli archetipi positivi. Non è di per sé una cosa negativa, ma se eseguita in modo laborioso come lo è qui, ma produce una trama la cui risoluzione è altrettanto prevedibile come qualsiasi prodotto guidato dall'azienda. Mentre il cinema ha un encomiabile senso di propulsione, la completa assenza di ambiguità rende l'esperienza meno che risonante. Sebbene l'imitazione di Roddy MacDowell di Cary Elwes sia degna di nota.

Il critico veterano Glenn Kenny esamina le nuove uscite su RogerEbert.com , il New York Times e, come si addice a qualcuno della sua età avanzata, la rivista AARP. Ha un blog, molto occasionalmente, su Alcuni sono venuti a correre e tweet, soprattutto per scherzo, a @glenn__kenny .

Guarda la raccolta horror degli anni '70 su Criterion Channel