'Get On Up' su Netflix celebra James Brown mentre mostra i talenti di Chadwick Boseman | deciso

Get Up Netflix Celebrates James Brown While Showcasing Chadwick Boseman S Talents Decider

Rilasciato nel 2014, Salire ha tentato di ripetere i successi dei film biografici Ray e Cammina sulla linea , trasformando la storia di un'icona musicale in oro al botteghino e guadagnando un premio o due nel processo. Il film è interpretato da Chadwick Boseman nel ruolo di James Brown, il padrino del soul, la cui carriera è durata sei decenni e ha lasciato un segno indelebile su R&B, rock n' roll, soul, funk e hip hop. Regia di Tate Taylor ( L'aiuto , Ma ), il film è ora disponibile per lo streaming su Netflix e rappresenta una testimonianza delle capacità recitative del compianto Boseman, nonché un riverente tributo a Soul Brother #1.



Nel raccontare la storia di James Brown, Salire viaggia avanti e indietro nel tempo, rivisitando momenti cruciali che rivelano le sue motivazioni, i suoi successi e la sua importanza. Riesce nel conteggio uno e due mentre non è all'altezza del conteggio tre, ma ottiene una A per lo sforzo. Spiegare cosa rende grande la musica o un musicista è difficile da drammatizzare senza soccombere all'iperbole, un problema comune a molti film biografici musicali. Salire fa meglio all'inizio con la battuta casuale di Boseman, i gatti Ya'll potrebbero non possedere i miei dischi ma puoi scommettere il tuo dollaro più basso, ogni disco che hai ha un pezzo di me in loro.



Nato nel 1933, James Joseph Brown Jr. è cresciuto in South Carolina e Georgia, sopportando povertà, abusi e razzismo prima di affermarsi e diventare uno dei musicisti e delle celebrità nere più importanti di tutti i tempi. Boseman spesso rompe la quarta parete, fissando la telecamera e ripetendo una delle massime di Brown o semplicemente offrendo uno sguardo consapevole e dispiaciuto. Come molti grandi artisti o persone potenti, Brown era un uomo imperfetto che spesso sfogava la sua rabbia su coloro che gli erano più vicini.

è il film il mulo una storia vera

Il film è terminato con il famigerato inseguimento in macchina di Brown del 1988, che ha portato a un'offerta di due anni di prigione. È uno dei tanti momenti storici abbelliti per un effetto drammatico, non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. È un film, non un documentario. Dopo le deviazioni attraverso il Vietnam e l'esibizione di Brown nel 1964's T.A.M.I. Mostrare , vediamo un giovane James che vive nella povertà rurale con i suoi genitori disfunzionali, interpretato dalla vincitrice degli Academy Awards Viola Davis e Lennie James di Morto che cammina fama. Fanno parte di un cast corale che include anche le impressionanti esibizioni di Craig Robinson nei panni del leggendario sassofonista Maceo Parker, Brandon Mychal Smith nei panni di Little Richard e (il compianto) Nelsan Ellis nei panni del contrabbasso musicale di Brown e del fratello sostituto Bobby Byrd.



Il James Brown che incontriamo ha un focus laser sulla musica e una fede profetica in se stesso. Abbandonato dai genitori da bambino e cresciuto in un bordello, finisce in carcere da adolescente. Lì incontra Byrd, che è in visita con il suo gruppo gospel (in realtà si sono incontrati durante una partita di baseball). In Brown, Byrd ha visto un talento naturale e un leader della band e ha convinto la sua famiglia a sponsorizzare la sua libertà vigilata. Brown ripaga Byrd sbattendosi sua sorella, la prima di molte umiliazioni che subisce nel corso del film. Brown rimodella il gruppo gospel di Byrd come The Famous Flames, quindi in seguito li riduce a seconda fattura su sollecitazione dell'agente di prenotazione Ben Bart, interpretato da Dan Aykroyd. Il cantante sembra fin troppo felice di entrare sotto i riflettori, dicendo: Vedo dove sta andando questa cosa... Diavolo, lo sapevo il giorno in cui sono nato.

spiegazione dell'episodio 2 della stagione oscura 3

Nel corso degli anni '60, Brown si dimostrò un talento visionario e un abile uomo d'affari. Le scene intese a mostrare come ha convinto la sua band a creare funk con il singolo Cold Sweat del 1967 sono in qualche modo rabbrividenti, ma la parte in cui è così funky da far ballare una coppia razzista è un bel tocco. Il suo messaggio di autodeterminazione e potere dei neri lo ha reso più di un semplice musicista. Era un prestanome, in grado di sedare le rivolte e ottenere il rispetto dei presidenti.



Sfortunatamente, nonostante tutta la musica incredibile che ci ha dato e tutto il lavoro che ha fatto per la comunità nera, James Brown è stato anche un bullo violento. Nel corso del film lo vediamo picchiare le mogli, rimproverare la sua band e trattare Bobby Byrd come uno zerbino. Il suo uso di droga è spiegato come il risultato della morte di suo figlio Teddy nel 1973, mentre il suo cattivo comportamento è attribuito al trauma persistente degli orrori che ha sopportato da bambino. Ciò che è realmente accaduto è sia peggio che più complicato, tuttavia, il punto del film è celebrare Brown, non esporlo al suo peggio.

Quando Boseman ha recitato in Salire, era fresco della sua interpretazione di Jackie Robinson nel 2013's 42 . Era il suo secondo film consecutivo in cui interpretava una figura fondamentale nella storia afroamericana. Il fatto che fosse altrettanto abile nel interpretare il taciturno Robinson come l'esplosivo Brown parla della sua portata come attore. Boseman si lancia nel ruolo, sembra apprezzare la spavalderia e l'autorità di Brown e, secondo quanto riferito, è rimasto nel personaggio durante le riprese. È vergognoso che la sua interpretazione non sia stata nominata per un Academy Award all'epoca, qualcosa per cui la sua nomination quest'anno Il sedere nero di Ma Rainey rettifica. Divertente e giubilante come Salire è, non si può guardarlo senza provare un senso di tragedia, sapendo che sia Boseman che Nelsan Ellis, che è morto nel 2017, non sono più con noi e avevano ancora molto altro da dare.

Benjamin H. Smith è uno scrittore, produttore e musicista di New York. Seguilo su Twitter: @BHSmithNYC .

Orologio Salire su Netflix